Creare uno stagno

Creare uno stagno nel giardino garantisce l’attrazione di libellule e rospi (preziosi consumatori di chiocciole e lumache), favorisce la biodiversità e l’equilibrio del giardino,concedendovi ore di contemplazione.

Di seguito una proposta dai giardini RJSM. 

Obiettivi

Obiettivi dell’attività:

Favorire la biodiversità, accogliere le specie protette (anfibi)
Migliorare l’equilibrio ecologico del giardino
Rendere il giardino più bello

Obiettivi del leader che realizza l’attività con il pubblico:

Contribuire alle conoscenze scientifiche e botaniche dei beneficiari
Migliorare il giardino con un nuovo patrimonio

Obiettivi del programma Grundtvig dell’educazione lunfo tutto l'arco dela vita a cui questa attività è legata:

Aiutare le persone dei gruppi sociali vulnerabili, perché l’attività può contribuire allo sviluppo educativo di tutti.

Possibili obiettivi educativi:

Conoscenza: fauna e flora acquatica, ciclo dell’acqua, protezione delle specie

Abilità: uso di strumenti specifici, progettazione

Comportamento: rispetto dell’ambiente, lavoro di gruppo

Materiale

Per i partecipanti: abbigliamento ed attrezzatura adeguata

Per la progettazione: carta, penna

Per la realizzazione: pale, vanghe, picconi, guanti, corde, decametro, misuratore livello dell’acqua, carriole

Per il sistema di impermeabilizzazione:

Ci sono diverse opzioni (impermeabilizzazione naturale, calcestruzzo, telone: gomma, EPDM..), Noi abbiamo scelto di usare il telone, perciò abbiamo bisogno di:

  • taglierino per telone
  • sabbia
  • rete maglia fine e tronchesi (facoltativi)
  • feltro geotessile protettivo o moquette
  • argilla e terre
  • acqua
  • rete di corda
  • sassi
  • piante 

Implementazione

Definire cosa ci si aspetta dal proprio stagno:

es: conservazione, protezione delle specie, strumenti educativi, decorazione per il giardino,un luogo di relax e socializzazione..

Trovare il luogo adatto:

Non in pendenza, meglio su un punto più basso, fare attenzione al flusso di pioggia (inquinamento a monte), devono esserci pochi alberi (le foglie ostruiscono lo stagno) l’esposizione al sole significherà evaporazione, possibili fonti d’acqua che riempiranno lo stagno, calcolare le misure del tuo stagno

Disegna il progetto:

Considerare il modello (naturale e non, diversi luoghi e punti di vista, restrizioni dovute alla tecnica di impermeabilizzazione- es dimensioni del telo disponibile), profondità (l’acqua bassa evaporerà velocemente in estate e sarà ricoperta di ghiaccio in inverno) e la possibilità di installare vegetazione.

Ottenere il materiale: vedi lista sopra

Disegnare,scavare, dare forma allo stagno. Controllare il livello della riva usando un misuratore dell’acqua

Preparare il fondo:

Rimuovere ogni pietra
Posizionare una rete metallica per proteggere il  telo da roditori
Posizionare uno strato di sabbia (da 5 a 10 cm) a protezione del telone ed adattarlo con tappeto geotessile o vecchio.
Controllare che il fondo sia ben livellato e installare il telo

Riempirlo con l’acqua:

l’acqua piovana è certamente la migliore, ma potrete farlo anche con acqua potabile:il cloro evaporerà velocemente

Installare le piante, gli animali arriveranno da soli,non appena un habitat adatto sarà disponibile.

È da considerare l’introduzione di piante locali, specialmente se l’obiettivo è quello di protezione conservazione. Se possibile, qualche volta, prendere le piante da altri stagni locali.

Attenzione: non prendere niente dalle aree protette, non prendere specie protette o rare (lista disponibile nelle agenzie nazionali), essere certi di avere una buona guida di identificazione, rispettare l’ambiente e prendere solo piccole quantità, chiedere il permesso ai proprietari.

Piante invasive: considerare di installarle in una fioriera al fine di limitare la loro crescita ed essere abili nel tagliare gli eccessi dopo qualche anno.

Ossigenazione da piante sommerse:è possibile appesantirle con pietre ed argilla, e gettarle nello stagno.

È possibile  anche aspettare, le piante arriveranno in modo naturale bisogna solo pazientare.

Non introdurre animali: in Francia gli anfibi sono una specie protetta, non è possibile prenderli dalla natura, neanche trasportarli. Controlla il regolamento locale, in ogni caso, gli animali arriveranno di loro spontanea volontà, ciò significa che l’ambiente è adatto ai loro bisogni.

Gli insetti acquatici possono volare; gli anfibi troveranno lo stagno durante la stagione della riproduzione.

Prendere un po’ di tempo prima di decidere se introdurre pesci: uno stagno sonoro ecologico non allontana le zanzare, come le larve che sono mangiate da numerosi predatori invertebrati. Tuttavia, i pesci sono predatori voraci che possono mangiare la maggior parte degli invertebrati dello stagno come le larve.

E una volta terminato: buona osservazione!

Prenditi cura del tuo stagno:

Ovviamente la sorte dello stagno è di svuotarsi e sparire. Puoi scegliere se lasciare che ciò accada ed osservare la successione ecologica dell’ambiente ed associarvi flora e fauna, oppure puoi scegliere di mantenerlo artificialmente: in questo caso sarà necessario pulire i sedimenti ogni due anni circa. Bisogna prestare attenzione soprattutto a non danneggiare il tendone durante il processo.

Valutazione

Un diario sulle proprie osservazioni e delle foto regolarmente presi dagli stessi spazi intorno allo stagno, sono strumenti interessanti.

A seconda dei tuoi obiettivi dietro la creazione dello stagno, diversi strumenti di valutazione possono essere usati.

Suggerimenti

Se l'acqua circola è meglio ossigenata, si può usare una pompa e creare un flusso, con una piccola fontana o cascata per migliorare la qualità dell’acqua, specialmente se lo stagno è piccolo o soggetto ad alti livelli di temperatura (esposizione al sole). La pompa può essere collegata ai pannelli solari per l’elettricità.

Per dare l’impressione di uno stagno grande senza spendere molto sul telone,perché non creare due stagni vicini? È possibile nascondere la divisione con un piccolo ponte.

Creare uno stagno richiede un certo numero di forza (per lo scavo) e tecnica, ma alcune parti del progetto possono essere realizzate con tutti i tipi di gruppi.

Tutti possono osservare e devono essere previste misure cautelari di sicurezza.