Terapia Orticulturale

La Terapia orticulturale aiuta persone che soffrono di disabilità fisiche, problemi di salute mentale o danni cerebrali dovuti a incidenti,tumori ecc..

Si lavora attraverso il mezzo terapeutico dell' Orticoltura, attraverso l'ascolto, l’essere valutati, avendo la possibilità di socializzare, partecipare, ottenere, avere un luogo di appartenenza, essere una vera e propria persona.

Ci sono varie attività nel giardino che facilitano la riabilitazione e il ricovero. Questa pratica si concentra sul processo di semina fino alla raccolta connesso al ciclo di vita delle piante, considerando il raggiungimento di un potenziale, la riflessione sui cambiamenti della vita e della crescita delle piante e quella personale, raccogliendo benefici per la salute,

Piantare i semi riflette una speranza per il futuro!

Obiettivi

Sostenere le persone verso il recupero - che è visto come la possibilità di una vita più soddisfacente e significativa per quella persona, non si misura con l’assenza di una diagnosi.

Prevenzione del peggioramento della salute mentale

Incoraggiare i sentimenti di valore e di realizzazione; riconoscimento della crescita personale / recupero; riconoscimento di un maggiore benessere nei partecipanti.

Materiale

Per la semina:

Semi a vostra scelta, vassoio di semi, suolo, setaccio per suolo, annaffiatoio, acqua, etichette, penna

Per il trapianto:

Vasi personali o vassoi di semi per piante, suolo, cesoie, annaffiatoio, acqua, etichette, penna

Per piantare:

Una zona adeguata di terreno, un rastrello, una paletta, una stringa, pali, annaffiatoio, acqua, etichette, penna

Per la raccolta:

Una forca da giardinaggio, un contenitore dove poter mettere le verdure raccolte all’interno

Uno spazio all'aperto con posti a sedere per parlare e riflettere

Un rinfresco

 

Implementazione

Per essere efficaci, queste attività dovrebbero essere svolte in sequenza e non rimanere attività isolate. I miglioramenti terapeutici sono ottenuti attraverso le attività a lungo termine e attraverso la partecipazione. Prima di iniziare, si spieghi al gruppo di come il ciclo di crescita delle piante potrebbe riguardare la vita, di come piantare i semi potrebbe portare speranza per il futuro,di come la crescita della pianta si riferisce alla crescita personale.

Quando si ha una pausa o alla fine della sessione, riflettere su questi processi in relazione al recupero e alla vita.

SEMINA:

  • Setacciare il terreno/compost in un vassoio di semi e rimepirlo per circa due terzi.
  • Cospargere i semi sul terreno, sia dal pacchetto di semi o dal palmo della tua mano. Se i semi sono più grandi, usare le dita per fare un piccolo buco nel suolo.
  • Setacciare ancora un po 'di terreno / compost sopra la parte superiore dei semi
  • Innaffiare

TRAPIANTO:

  • Riempire i singoli vasi con terreno / compost
  • Tirare fuori una piantina dal suo vassoio con tutte le radici
  • Piantare la piantina in un nuovo vaso e innaffiare
  • Prepare un’etichetta con il nome della pianta ed inserirla nel vaso

PIANTUMAZIONE:

  • Rastrellare il terreno in modo che sia morbido e liscio per le piante.
  • Utilizzare una stringa e delle palette per fare una linea dove potrai piantare le piante
  • Usare la misura della paletta per misurare la distanza dal bordo e piantare la prima pianta
  • Piantate il resto delle piante lungo la linea lasciando 6-8 centimetri di distanza (oppure è possibile utilizzare la paletta per misurare di nuovo la distanza – assicurarsi solo che sia la stessa distanza)
  • Misurare una nuova linea di 8 centimetri di distanza dalla prima e piantare un'altra fila
  • Continuare a misura nuove linee e piantare fino a quando tutte le piante sono in terra

RACCOLTA:

  • Utilizzare la forca da giardinaggio e tirare fuori delicatamente tutte le verdure
  • Quando la pianta è ben al di fuori della terra, tirarla per raccoglierla
  •  

 

Valutazione

Per valutare i benefici, l'impatto e i risultati terapeutici di attività orticole rivolte a persone con disabilità richiede un processo lungo e strutturato, come anche un approccio scientifico. La valutazione e la possibilità di registrare un miglioramento per i beneficiari in termini di capacità, competenze sviluppate e la riduzione dello stress, può portare un valore aggiunto per il riconoscimento istituzionale e formale di questa pratica, nel campo della salute e del sociale.

Il valore e buoni risultati della terapia orto-culturale non sono ben riconosciute in tutta Europa, ma gli studi di valutazione effettuati dagli operatori impegnati in questo campo stanno facendo aumentare la consapevolezza della pratica e dei suoi effetti sul gruppo di riferimento.

Ci sono molti campi di valutazione, ogni operatorepuò creare la propria scheda di valutazione a partire dalla sua realtà e adattarla all'attività da lui / lei svolta con i beneficiari.

Qui potete trovare 3 diverse forme di valutazione (scaricabilei dalla sezione dedicata) che possono aiutare e ispirare a fare attività di valutazione con i propri beneficiari.

L’attività orto-culturale può essere valutata facendo riferimento a 3 caratteristiche:

L'attività orticulturale come strumento riabilitativo:

Nella specificità del lavoro professionale dell'educatore, l'intervento educativo mira a garantire il diritto di ogni utente a realizzare il suo / la sua vita e la sua / il suo sviluppo personale negli spazi concreti e nei tempi della vita quotidiana. La terapia orticulturale rappresenta un valido strumento per il miglioramento delle capacità motorie, relazionali e sociali, gli atteggiamenti relativi alla foormazione professionale e ai problemi comportamentali; per questo essa contribuisce allo sviluppo della qualità della vita all'interno di un progetto di inclusione sociale.

Attraverso il modulo di valutazione dato agli utenti, prima e dopo l'intervento terapeutico, è possibile monitorare lo stato di avanzamento e la padronanza di alcune abilità e capacità. L'esperienza in questo settore rafforza e conferma l'ipotesi che la terapia orticulturale è uno strumento valido ed efficace che può contribuire a qualsiasi progetto individuale di riabilitazione.

(Scheda di valutazione - Download)

L'attività orticulturale come formazione professionale:

E 'importante sottolineare che la terapia orticola non è solo uno strumento terapeutico per le persone affette da gravi disabilità, ma può essere visto come un percorso di formazione professionale per le persone a rischio di emarginazione e di esclusione sociale, che soffrono di malattie e disabilità meno gravi. Preparare il terreno, la semina, la piantumazione, il trapianto, la raccolta, costituiscono attività di lavoro, caratterizzato da fasi e tempi chiari e definiti. E' possibile creare progetti di formazione professionale con finalità specifiche e qualificate legate all’ inserimento lavorativo di persone con disabilità e valutare la progressione delle competenze acquisite.

(Scheda di Valutazione- Download)

La soddisfazione degli utenti per le attività orto-culturali:

Le attività orticole sono previste per rispondere alle abilità, i desideri e le esigenze in termini di tempi e  possibilità degli utenti. E 'importante conoscere la percezione e la soddisfazione degli utenti connessi alle attività sviluppate. La valutazione della soddisfazione dell'utente permette gli operatori, e altri responsabili delle attività, di verificare l'efficacia dell'intervento educativo. Questo permette anche il monitoraggio del lavoro svolto,al fine di migliorarne la qualità e l'efficacia per l'utilizzo in progetti futuri.

(Scheda di Valutazione - Downlaod)

 

 

 

 

Suggerimenti

Dovresti essere un terapista qualificato o un consulente per fare queste attività.

Avere sempre una serie di attività programmate per accogliere le diverse circostanze che possono sorgere, come pioggia o persone che completano certi compiti prima di altri. Il lavoro in serra ha il vantaggio di essere in un ambiente sicuro e controllato e non è molto faticoso, ed è anche vantaggioso in caso di maltempo.

I giardini tematici funzionano particolarmente bene per le persone con disabilità fisiche. Prova a utilizzare piante con caratteristiche diverse per creare percorsi o giardini tematici.

Creare un giardino profumato con piante aromatiche, o un semplice giardino con piante officinali, o un giardino naturale con piante spontanee, o un giardino percettivo con le piante che possono stimolare la vista, il tatto, l'olfatto e il gusto.

La vendita di prodotti al pubblico può trasmettere un senso di realizzazione.